Questo sito Web utilizza cookie per distinguerti da altri utenti. Ciò ci consente di fornire un’esperienza utente ottimale e permette inoltre di migliorare il sito.


Your privacy is important to us. AGCO has therefore recently updated its privacy policy to give you a better understanding of the types of personal data we collect from you and how we use it. We recommend you to take a moment to read the updated policy available on http://www.agcocorp.com/privacy.html

Archivio
L’allevatore dell’anno usa Valtra
Trattori Persone

L’allevatore dell’anno usa Valtra

La famiglia Arnoldi di Rivarolo Mantovano (Mn) è stata premiata come miglior azienda zootecnica. Per coltivare i suoi 140 ettari di terreno usa cinque Valtra, al lavoro da dieci anni senza guasti di rilievo.

L’allevatore dell’anno mette Valtra nei suoi terreni. Simone Arnoldi, che con il padre Francesco, la madre Denise e i fratelli Mauro e Chiara gestisce la più bella stalla d’Italia secondo la prestigiosa rivista Informatore Zootecnico, è un affezionato cliente del nostro marchio. Tanto che nella sua bella azienda di Rivarolo Mantovano ne troviamo ben cinque: Un A93 e un N123, un N103 e infine un A104 e un T151, naturalmente utilizzato per i lavori pesanti. Gli altri, al contrario, si dividono le attività meno impegnative: fienagione, semine, trasporti di foraggi e altri materiali.

I trattori Valtra in azione

I trattori Valtra in azione

Da sinistra, Simone Arnoldi e il delegato della concessionaria Paglia Lino Srl, Pierluigi Bortolotti.
Da sinistra, Simone Arnoldi e il delegato della concessionaria Paglia Lino Srl, Pierluigi Bortolotti.

Una stalla modello

Perché la famiglia Arnoldi è risultata prima nel concorso indetto dalla rivista zootecnica? Le ragioni sono tante. Ci sono i risultati produttivi, innanzitutto: 45 kg di latte per capo al giorno, con 3,7% di grassi e 2,63 di caseina, ma soprattutto cellule somatiche a 100mila, un valore che pochi allevatori possono vantare e che nasce, assieme all’eccezionale resa quantitativa, da una stalla iper-organizzata e completamente informatizzata. La mungitura, per esempio, si fa con il robot mentre un altro robot, semovente, passa da una postazione all’altra per analizzare i parametri qualitativi, allo scopo di individuare gli animali a rischio mastite e trattarli preventivamente. Ricordiamo inoltre la ventilazione con attivazione a fotocellula, un attento orientamento della stalla per sfruttare la ventilazione naturale e i materassini ad acqua nelle cuccette. Tutto il possibile, insomma, per far star bene gli animali. Perché una vacca che sta bene produce più latte.

 

I trattori Valtra in azione
I trattori Valtra in azione

In campo con Valtra

Lasciamo però da parte la stalla per occuparci dei terreni. Gli Arnoldi ne coltivano 140 ettari, principalmente a mais, grano da insilato e, naturalmente, medica. È in questi appezzamenti che i Valtra fanno sentire tutto il loro valore.

– Abbiamo iniziato dieci anni fa a usarli e attualmente sta per arrivarne uno nuovo in azienda, ci spiega Simone Arnoldi. Che appare particolarmente soddisfatto dell’affidabilità:

– Il più vecchio ha 8.500 ore e non ha mai avuto problemi particolari. Anche l’A93 e l’N123 hanno superato le 5mila ore senza guasti. Da elogiare, secondo il proprietario, anche il motore, che ha coppia da vendere subito a bassi regimi.

– Siamo clienti Valtra ormai da anni e finché continuerà a produrre di queste macchine, lo resteremo.

Il concessionario: orgogliosi di averli come clienti

Ringraziamo l’azienda di Simone e della sua famiglia per la fiducia che ci ha accordato. Avere tra i nostri clienti aziende così tecnologicamente avanzate è per noi motivo di orgoglio, dice Lino Paglia, concessionario per Mantova e provincia, titolare di un eccellente risultato nel 2019: 39 trattori venduti, in un mercato che fatica ad arrivare a 240 macchine totali.

1+

Leggi anche