Questo sito Web utilizza cookie per distinguerti da altri utenti. Ciò ci consente di fornire un’esperienza utente ottimale e permette inoltre di migliorare il sito.


Your privacy is important to us. AGCO has therefore recently updated its privacy policy to give you a better understanding of the types of personal data we collect from you and how we use it. We recommend you to take a moment to read the updated policy available on http://www.agcocorp.com/privacy.html

Archivio
Auto-Guide e Valtra Connect consentono un’agricoltura di precisione
Trattori Tecnologia

DanRoots utilizza 25 trattori Valtra per far crescere le carote

Auto-Guide e Valtra Connect consentono un’agricoltura di precisione

DanRoots utilizza non meno di 25 trattori Valtra per coltivare carote su 2900 ettari di terreni agricoli nella penisola dello Jutland in Danimarca. Il sistema di monitoraggio remoto di Valtra Connect si è rivelato uno strumento eccellente per la gestione di una così ampia flotta di trattori, mentre il sistema di guida automatica Auto-Guide è essenziale per guidare esattamente la stessa linea tra le file di carote in tutte le fasi del lavoro.

Peter Vestergaard è responsabile del lavoro sul campo presso DanRoots e possiede la fattoria insieme a suo padre Klaus Vestergaard. La fattoria risale al 1955 e comprende 2900 ettari in un raggio di circa cento chilometri. Due terzi dei campi sono biologici e questa quota dovrebbe crescere in futuro.

The Auto-Guide auto-guidance system is a key component of the DanRoots farming concept
Il sistema di guida automatica Auto-Guide è un componente chiave del concetto di agricoltura di DanRoots, poiché consente ai trattori e ai macchinari di raccolta di seguire esattamente le stesse linee guida.

 

I principali prodotti della fattoria sono le carote, con carote biologiche che richiedono una rotazione delle colture di cinque anni dopo la raccolta prima della successiva semina. Durante gli anni nel mezzo, vengono coltivati fagioli, segale, orzo, avena e ancora segale. Oltre alle carote, l’azienda coltiva anche altri ortaggi a radice, come la pastinaca, la barbabietola rossa, la radice di prezzemolo e i topinambur. Dopo la raccolta, gli ortaggi a radice vengono lavati, ordinati secondo sette diverse dimensioni e confezionati. I prodotti vengono poi venduti attraverso un’organizzazione di produttori alle principali catene di vendita al dettaglio in Danimarca e Germania.

“Facciamo praticamente tutto il lavoro sul campo necessario per coltivare ortaggi a radice, ad eccezione della rimozione della pietra prima della semina. Sul lato del grano, gli appaltatori gestiscono quasi tutti i compiti ad eccezione della coltivazione“, afferma Peter Vestergaard.

Valtra T-series working in DanRoots carrot farm in Denmark

DanRoots è in grado di raccogliere carote fresche per circa dieci mesi all’anno. Una stagione così lunga è resa possibile coprendo i campi con uno spesso strato di paglia a fine autunno. Per questo, l’azienda utilizza 35.000 balle di paglia all’anno. La preparazione dei campi per la semina avviene a febbraio-marzo. Il processo di semina è completamente automatizzato e crea tre porzioni di terreno alla volta con quattro file di carote in ogni porzione e un centinaio di carote per metro in ogni fila.

L’agricoltura e le attrezzature di precisione

Il costo del terreno per la produzione di carote è circa dieci volte superiore al costo per la coltivazione di cereali, quindi ogni ettaro, acro e persino metro quadrato è importante.

“L’Auto-Guide è una parte vitale del nostro concetto di agricoltura. Usiamo raccoglitrici complesse che sono automatizzate per guidare lungo le stesse linee dei trattori. La guida automatica consente ai nostri conducenti di concentrarsi sul controllo dei loro attrezzi piuttosto che sul trattore. Pianificare attentamente le nostre linee ci consente di utilizzare i nostri campi e le altre risorse nel modo più efficiente possibile“, spiega Peter Vestergaard.

Auto-Guide is an important part to get better cost effiency and fuel savings for DanRoots

Con una flotta di 25 trattori Valtra che lavorano su 2900 ettari in un raggio di 100 chilometri, il sistema di monitoraggio remoto Valtra Connect è altrettanto utile.

“Abbiamo testato Valtra Connect durante la passata stagione e siamo stati molto soddisfatti dei risultati.
È uno strumento eccellente per monitorare da remoto i nostri trattori. Inoltre, semplifica la pianificazione del nostro lavoro quando possiamo accedere a tutti i dati sui nostri singoli trattori tramite Valtra Connect. La scorsa stagione abbiamo guidato i nostri trattori per un totale di 27.000 ore, quindi il consumo di carburante è molto importante per noi. Speriamo di utilizzare Valtra Connect per ottimizzare la guida e aiutare i nostri conducenti a ridurre il consumo di carburante.”

Peter Vestergaard si affretta a sottolineare che di solito non sono tra i primi ad adottare nuove tecnologie. Le capacità di guida sono più importanti dell’automazione, ma quando la tecnologia e gli operatori saranno pronti, cercheranno di sfruttare al meglio i nuovi sistemi.

“Tra le nuove funzionalità a cui sono particolarmente interessato c’è il controllo della velocità variabile per la diffusione di calce e potassio, che è attualmente svolto per noi da un appaltatore. Dato che siamo principalmente una fattoria biologica, le caratteristiche per irrorare e applicare fertilizzanti artificiali non sono così importanti per noi.“

La flotta di trattori Valtra di DanRoots

1 x S374

10 x T214 Direct

2 x T203 Direct

2 x T193 HiTech

2 x N174 Direct

2 x T190

1 x T131

2 x 8950

1 x 8050

1 x 405

1 x 305

Specifiche tecniche serie N Specifiche tecniche serie T Specifiche tecniche serie S

Leggi anche